Bundersbank in crescita

Nel corso del terzo trimestre espansione dell’economia tedesca subirà un forte rallentamento per poi riprendere il suo cammino nella seconda parte dell’anno, questo è quanto annunciato dal bollettino mensile economico di Bundesbank.
Alla sorgente di questa frenata è prevista sia una flessione degli ordini industriali che provengono dagli stati esteri e sia un andamento lento nel settore delle costruzioni con l’annullamento dell’effetto positivo delle temperature miti invernali.

Berlino con l’incremento del prodotto interno lordo a ritmo trimestrale dell’1% nei primi tre mesi è riuscita a fare da locomotiva a tutta la zona euro

e questo grazie alla dinamicità e alla positività del canale di produzione industriale e degli investimenti.
La banca centrale in una nota ha scritto che gli indicatori positivi arrivano dalle indagini congiunturali sulla fiducia delle imprese e dei consumatori che sembrano segnalare che dopo un secondo trimestre abbastanza lento si avrà un miglioramento nella seconda parte dell’anno con uno slancio molto consistente.

Continua il malessere del Dollaro

La moneta americana continua a soffrire nei confronti dell’Euro e dello Yen nonostante che i dati americani relativi agli ordini dei beni durevoli nel mese di aprile e quelli sui sussidi di disoccupazione settimanali siano risultati migliori delle aspettative.
Dopo due settimane di assoluta tonicità del biglietto verde ora gli investitori mostrano una certa cautela in attesa dell’intervento della presidente della Fed Janet Yellen previsto per domani.

Per ora il Dollaro cede lo 0,5% alla nostra moneta unica che riesce a salire a quota 1,1238 e perde lo 0,4% sullo Yen arrivando a quota 108,37.

Domani sera la Yellen parteciperà ad un convegno che si terrà all’Università di Harvard dove potrebbe fornire degli indizi più chiari rispetto alla possibilità di un nuovo ritocco a salire del costo del denaro già nel prossimo mese.
La maggior parte delle ultime trattative borsistiche sono state alimentate dai resoconti della ultima riunione della FOMC nel quale è emerso che la maggior parte dei membri sono d’accordo a una nuova stretta nel mese di giugno.

In calo i futures del Gas

La sessione di Borsa americana di questo lunedì ha messo in luce un calo dei futures del Gas naturale.
All’interno delle New York Mercantile Exchange i futures del gas naturale in consegna a giugno sono stati scambiati a 2,128 dollari americani per ogni milione di British thermal units, questo valore ha fatto segnare un calo del 3,34%.

In prima battuta durante le contrattazioni era stato scambiato anche ad un valore più basso di 2,021 dollari per ogni milione di British Thermal Units.

Le previsioni vedevano trovare una quota di supporto a 2,003 dollari è una quota di resistenza a 2,123 dollari.

L’indice del Dollaro che mette in luce l’andamento della moneta americana nei confronti delle altre 6 monete rivali maggiori è calato dello 0,06% scambiando a 95,21 dollari.

Sul Nymex il Greggio in consegna a giugno è aumentato del 3,11% scambiando a 46,98 dollari per barile mentre il Gasolio sempre in consegna a giugno è aumentato del 2,88% scambiando 1,4722 dollari per gallone.

Accellerata Dollaro su Euro e Yen

La moneta americana allunga il passo nei confronti di Euro e Yen dopo il rilascio dei dati macro Usa sulle vendite al dettaglio rivelatesi nettamente migliori delle aspettative.

La nostra moneta unica lascia sul campo lo 0,6% nei confronti del Dollaro scambiando a 1,1328 dollari mentre lo stesso Dollaro si apprezza dello 0,5% nei confronti della moneta nipponica scambiando a 108,77.

Nel mese di aprile le vendite al dettaglio americane hanno avuto un incremento dell’1,6%, valore che va oltre le attese degli economisti che avevano previsto un più modesto apprezzamento attorno al 0,9%.

Sempre in America i prezzi alla produzione hanno messo in luce che ad aprile c’è stato un incremento dello 0,4%, valore in aumento rispetto allo 0,1% del mese di marzo.

L’andamento rialzista del Dollaro si era già intravisto ad inizio mattinata in quanto questo era stato sostenuto dalle dichiarazioni di un esponente della Fed secondo il quale l’istituto centrale stava per procedere con due rialzi in rapida sequenza dei tassi di interesse entro quest’anno.

Dollaro in salute

In questa mattinata di scambi inglesi in dollaro riesce a mantenere ed a consolidare il recupero dai recenti minimi fatti registrare nei giorni passati riuscendo a superare il nuovo la soglia di 106 Yen e spingendo nuovamente l’euro al di sotto di quota 1,14.

Il leggero apprezzamento del dollaro è stato agevolato da una nuova accelerazione dei prezzi del greggio e dalla risalita della curva dei rendimenti sui Treasuries.

Dopo le delusioni date dai dati ADP sui posti di lavoro creati nel mese di Aprile dagli imprenditori americani il mercato è in attesa dei dati complessivi ufficiali in arrivo domani dal Dipartimento del Lavoro.

Ci sono anche timori geopolitici provenienti dal fronte turco dopo che è stata confermato un vertice straordinario del partito di maggioranza turco per decidere la sostituzione del premier Ahmet Davutoglu.

L’ultimo Bollettino economico mensile della Bce ha ribadito le stesse osservazioni con cui si è concluso l’ultimo consiglio di politica monetaria ovvero che le prospettive di crescita dell’Eurozona restano al ribasso.

5 sedute al rialzo per Dlr

Le continue speculazioni su di un eventuale aumento dei tassi interesse danno sostegno al dollaro che oggi riesce ad essere in apprezzamento per la quinta seduta consecutiva nei confronti delle altre monete internazionali, la moneta americana è riuscita ad avere svariate quotazioni ai massimi da una settimana nei confronti dello Yen.
Molti esponenti della Fed in questi giorni hanno continuato a dichiarare che ci sarà una ripresa del ciclo restrittivo della politica monetaria americana.

James Bullard, Presidente della Fed di St. Louis assieme a Patrick Harker, Presidente della Fed di Philadelfia sono del parere che prima di fine anno ci saranno almeno due o tre rialzi dei tassi di interesse.

Gli scambi Euro – Dollaro si mantengono sotto il minimo di fine settimana a 1,1238 che rappresenta il livello più basso da una settimana a questa parte.

Sempre nella mattinata il cambio Dollaro – Yen è riuscito ad arrivare al suo picco intraday a 115, anche in questo caso rappresenta il massimo da circa una settimana.
Il pomeriggio sono stati divulgati i dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione che risultano essere aumentati leggermente ed i dati sugli ordini dei beni durevoli che risultano essere in calo in confronto al mese di febbraio.

Secondo la maggior parte degli operatori il sostegno del dollaro arriva anche da una sistemazione delle posizioni di mercato prima della pausa di Pasqua.
Per quanto riguarda la nostra moneta unica, Tod Helmer di Citi ha dichiarato che dopo gli attacchi terroristici in Belgio la ripresa della nostra moneta unica potrebbe essere molto lenta dato che gli investitori potrebbero decidere di non rischiare i loro investimenti.

Coppia GBP/USD in discesa

Questo martedì la Sterlina perde terreno contro il Dollaro e questo a causa dei dati deludenti sull’inflazione britannica, oltre questo gli investitori dopo gli attacchi di Bruxelles sono meno propensi al rischio.

Il cambio GBP/USD ha toccato 1,3748 che risulta essere il valore minimo dallo scorso 16 marzo, la quota di supporto la troviamo a 1,3528 e la quota di resistenza la troviamo a 1,4011 che risulta essere il massimo da ieri.
Secondo quanto è stato dichiarato dall’Ufficio Nazionale di Statistica britannico

i prezzi al consumo sono saliti dello 0,6% lo scorso mese,

dato che risulta essere invariato da gennaio.

Mark Carney, governatore della Banca d’Inghilterra ora è costretto a scrivere una lettera aperta al Cancelliere dello Scacchiere George Osborn in quanto l’inflazione risulta essere a un livello inferiore di oltre un punto percentuale rispetto all’obiettivo del 3% che era stato fissato dalla Banca Centrale.
I valori dell’indice IPC Core che non tengono conto dei costi di energia, tabacco, alimenti e alcol ha visto un aumento del 2% il mese scorso, valore perfettamente in linea con le aspettative.

Intanto le notizie delle esplosioni avvenute al terminal delle partenze dell’aeroporto di Bruxelles dove sono state uccise almeno 15 persone e ne sono state ferite oltre 50 ha indebolito i mercati azionari.
La Sterlina ha perso terreno contro l’Euro con la coppia EUR/GBP che scende dello 0,38% a 0,8137.

Cosa sono le opzioni binarie

Parlare di opzioni binarie senza ricordare che la la caratteristica principale di questo strumento di trading è la facilità, è pressochè impossibile.

Queste non sono altro che un investimento finanziario fondato su una semplice previsione: alla scadenza, quel determinato “asset” (azione, materia prima, obbligazione, valuta reale o virtuale, etc), sarà aumentato di prezzo oppure no?

Se la nostra scelta sarà quella per un aumento di prezzo e questa si verificherà entro l’intervallo di tempo prestabilito, allora la nostra previsione risulterà scadere “In the money”, vale a dre che sarà vincente e ci darà diritto a riscuotere il premio.

In caso contrario, nel momento in cui il prezzo di mercato del nostro “asset” scadrà nella direzione opposta a quella che è stata la nostra previsione, vuol dire che avremo perso parte o tutto del denaro investito.

A previsione vincente, come vedremo, corrisponderà una percentuale di profitto, variabile in base al “trend dei mercati”, ma sempre e comunque una percentuale di profitto consistente.

Le opzioni binarie, infatti, offrono rendimenti abbastanza omogenei, e la loro caratteristica principale è il fatto che il rendimento è di tipo “fisso” (Payout fisso), cioè sempre predeterminato.

Ciò significa che chi acquista una opzione binaria qualsiasi, su di un titolo azionario piuttosto che su una coppia di valuta, conoscerà esattamente prima di concludere il contratto quale sarà l’eventuale profitto.

Le opzioni binarie, quindi, prevedono solamente due possibili esiti: sopra o sotto il livello di prezzo di partenza (prezzo di acquisto).

Si evince facilmente che fare trading binario è molto più facile di quanto si possa pensare, e che imparando a leggere ed interpretare i segnali di trading derivanti dal mercato, dai grafici e dalle notizie economico/finanziarie, impareremo trucchi e strategie per aumentare sensibilmente le probabilità di vincita.

Caratteristiche delle opzioni binarie

Le opzioni binarie non sono un prodotto finanziario indipendente, ma è piuttosto uno strumento “derivato” il quale è fondato sulla variazione di prezzo di “asset” quali le azioni, materie prime, forex, o gli indici di Borsa.

Gli elementi che costituiscono una opzione binaria sono i seguenti:

– Un asset
– Una previsione
– Una scandenza
– Un rendimento

Maggiori informazioni: http://www.tradingopzionibinarie.com/

Nuovo piano da Italia a Unione Europea per Bad Bank

L’Italia assieme alla Commissione Europea ha da poco intrapreso un cammino comune per quanto riguarda l’argomento “Bad Bank“, in questo cammino sono state delineate le linee guida di un piano informale atte a oltrepassare l’ostacolo dell’empasse attuale.

Un portavoce dell’esecutivo della Commissione Europea ha dichiarato che Bruxelles è disponibile e pronta a collaborare nel migliore dei modi.

Il nostro giornale economico “Il Sole 24Ore” ha pubblicato un articolo a riguardo dove è scritto che il Mef stà lavorando ad una garanzia pubblica su richiesta dedicata alle banche, queste metteranno in moto una specifica società veicolo nel quale trasferire tutti i crediti deteriorati.

Tale caratteristica darebbe modo di superare tutte le obiezioni messe in campo dalla Commissione in materia di aiuti di Stato.

Nei prossimi giorni il dossier arriverà sulla scrivania dell’attuale responsabile all’economia Pier Carlo Padoan che passerà al vaglio il tutto.

Btp in salita

Il nostro settore secondario è in una situazione di moderata pressione e questo è dovuto al clima che gli investitori vogliono in questi giorni ovvero nessuna propensione al rischio.

Il crollo della borsa di Tokyo ha creato parecchia volatilità considerato il tono nervoso di tutti gli scambi pur restando positivo il risultato dell’asta a medio-lungo.

I rendimenti al minimo in questi ultimi cinque mesi sono calati sia sul tratto a cinque anni che su quello a dieci e questo nonostante l’aver assegnato l’importo massimo a otto miliardi di euro.

Il risultato dell’asta è stato positivo nel complesso, il comparto a reddito fisso risulta essere quello preferito in quanto garantisce un ritorno sicuro.

Se guardiamo i titoli singoli si è verificata una flessione dei tassi in confronto al mese scorso che era il picco massimo di crisi cinese.

Il premio di rendimento Btp/Bund sul periodo a dieci anni si riallinea ai valori di chiusura e questo grazie ai leggeri recuperi dei listini di borsa.

Tenete sotto controllo tutti i movimenti di borsa e sicuramente troverete svariate occasioni di trading attraverso l’utilizzo delle opzioni binarie.