La Banca centrale Indiana ha tagliato il tasso di riferimento di ben 50 punti al 6,45% ed allo stesso tempo l’inflazione è ai minimi storici con il rischio che l’economia subisca un brusco rallentamento.

Il taglio è stato molto più grande di quanto si pensava e nessuno degli analisti aveva previsto una simile azione.

Dall’inizio dell’anno questa è la terza riduzione del costo del denaro messo in campo dalla Banca Indiana ma erano state tutte di entità minore.

La banca ha motivato tale operazione dall’andamento lento dell’inflazione in una situazione di rallentamento della crescita, infatti le stime di crescita sono diminuite dell’8%.

Raghuram Rajan, Governatore indiano ha dichiarato di essere confortato dalla decisione della FED di non toccare il tasso di interesse per il momento perchè questo potrebbe mettere sotto pressione le economie emergenti.

I trader di opzioni binarie tengano sotto controllo la situazione.