Prima di parlarvi dei migliori broker, vi spieghiamo brevemente cos’è un CFD. La sigla CFD sta per Contract for Difference che in italiano significa Contratto per Differenza.

Si tratta appunto di un contratto che viene fatto tra il broker e il trader. Alla chiusura del contratto deve essere versata la differenza tra il prezzo di apertura e il prezzo di chiusura di quel determinato asset.

In specifico si parla di asset sottostante perché il CFD è un derivato è quindi il suo valore deriva non direttamente dal prodotto, ma dipende da altri strumenti finanziari che sono chiamati appunto sottostanti. Infatti quando si investe tramite il trading CFD non è necessario possedere realmente il bene, ma si specula sull’andamento del sottostante.

Con il trading CFD si può investire su gran parte dei asset finanziari, come le materie prime, gli indici, valute, azioni, criptovalute e molto altro ancora. Per accedere ai mercati si ha bisogno di un broker online che fa da intermediario. La vostra scelta deve ricadere su broker professionali, vale a dire certificati e regolamentati. In particolare per operare in Europa devono possedere la certificazione rilasciata dalla CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission), in Italia invece devono essere autorizzati dalla CONSOB (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa) e nel Regno Unito devono possedere la certificazione rilasciata dalla FCA (Financial Conduct Authority).

L’elenco è molto lungo perché ogni Paese ha il suo ente regolatore, noi in specifico vi abbiamo parlato di quelli che servono per investire in Italia e nel resto dell’Europa.

Perciò per operare in piena tranquillità e con profitto dovete iscrivervi solo su broker affidabili. Nel caso contrario, come potete immaginare, si rischia di affidare i propri soldi a dei truffatori. I broker ormai sono alla portata di tutti e proprio per questo bisogna fare molta più attenzione a non farsi raggirare da impostori che si nascondono dietro a queste società di trading.

Oggi però ci sono molte norme che mirano alla tutela dei trader, c’è ad esempio l’ESMA che tramite un decreto molto restrittivo ha emesso delle regole molto severe per salvaguardare la sicurezza dei trader europei. Sono leggi che i broker devono assolutamente rispettare, se no si tratta appunto di truffatori.

C’è da dire che anche se oggi ci sono leggi severe, che i broker sono tenuti a seguire per esercitare la loro attività, continuano ancora ad esistere broker non sicuri. L’unica maniera per proteggersi è l’informazione, ad esempio voi dopo aver letto questo articolo sapete cosa dovete fare e quindi cosa evitare. In questo modo già state un passo avanti, già sapete che per operare con sicurezza e profitto avete bisogno di broker online professionali, e quindi se aprite un account su un broker che non possiede nessuna certificazione e autorizzazione siete consapevoli del fatto che affidate i vostri soldi a una società fantasma che è stata creata solo per rubare soldi.

Generalmente i broker con i quali operano gli italiani hanno sede all’estero, ma sono comunque tutti autorizzati dalla CONSOB. Voi dovete verificare appunto le certificazioni e le autorizzazioni, non ci stanchiamo a ripetervelo perché questo è il punto fondamentale a cui dovete porre la massima attenzione. Finora vi abbiamo detto cosa è importante fare per svolgere il trading CFD in tutta sicurezza, ma c’è un altro punto da considerare, ovvero la formazione del trader.

Il trading online è un’attività che deve essere svolta con coscienza e razionalità e per fare questo bisogna studiare e fare molta pratica. Dovete avere ben chiaro in mente cosa state facendo perché se volete trarre profitto dovete essere in grado di anticipare il trend dei mercati finanziari.

Oggi potete contare su broker che mettono a disposizione gratuitamente gran parte dei loro strumenti e servizi, come ad esempio il Conto Demo che è il conto di simulazione con il quale si investono soldi virtuali. Naturalmente i risultati si vedono in base all’impegno e al tempo che ci si dedica.